DOVE SI PARLA DI...

cucina, gatti, casa, e mille altre cose...ricette (dolci e un po' di salato), ma anche di gatti, libri, natura e tanto altro.


domenica 25 settembre 2011

No alla caccia

Come ogni anno i cacciatori (purtroppo) ricominciano a perpetrare le loro stragi legalizzate di poveri animali innocenti e indifesi. E dal momento che non bastano loro le molte specie incluse nell'elenco degli animali "cacciabili", sfogano i loro istinti bestiali anche su altri animali: primo giorno di caccia, notizia comparsa sul giornale dell'alessandrino, "Il Piccolo". Un giovane gatto torna a casa moribondo dopo essere stato impallinato a DISTANZA RAVVICINATA e nonostante le cure prestategli è morto poco dopo, naturalmente tra atroci sofferenze. Non c'è dubbio: l'atto è stato compiuto deliberatamente. E chissà quanti sono gli animali domestici che semplicemente spariscono perchè muoiono sul colpo o non riescono a tornare a casa. Nonostante i continui incidenti di caccia (ogni anno qualche cacciatore viene impallinato da un suo "collega", cosa, peraltro, che mi fa provare una immensa gioia) sembra proprio che questo "sport" (???)  non si debba mettere in discussione. E che questi "amanti della natura" debbano continuare a girare indisturbati in proprietà private e zone dove la caccia è vietata (per esempio nel bosco accanto a casa mia, visti con i miei occhi) consapevoli del fatto che intanto, prima che un organo competente arrivi a multarli, loro fanno in tempo ad andarsene indisturbati.
Beh, io voglio gridarlo: BASTA CON LA CACCIA!
E spero che si arrivi un giorno a limitare, se non a eliminare del tutto, questo scempio.
Vorrei citare una vignetta di Vauro che mi è sempre piaciuta molto e che il Top ha messo sul suo profilo di FB : questa .
Ma il nostro contributo lo diamo con una nostra vignetta personale ideata da me ma, per questa volta, realizzata solo dal Top.



E forse, e dico forse, potrei accettare la caccia solo nel caso in cui anche gli animali potessero imbracciare a loro volta un fucile e difendersi sparando ai loro aggressori. Ma a ben pensarci, se l'unico animale che ha concepito una cosa come la guerra è l'uomo, un motivo ci sarà...

2 commenti:

Scacco alle Regine ha detto...

Non sono completamente d'accordo con te, forse perché ho dei cacciatori in famiglia e so che quelli veri fanno molto per la natura e tanti cattivi luoghi comuni sono dati dai bracconieri e non dai veri cacciatori!

Cmq.. per sdrammatizzare.. giuro che avevo letto nel titolo: NO ALLA CACCA !!! :-D

GLORIA
{ Scacco alle Regine }

Lidia ha detto...

Posso anche cercare di capire il tuo punto di vista ma per me (che ho anche deciso di non nutrirmi di animali) un cacciatore rimane comunque qualcuno che imbraccia un fucile e uccide una creatura indifesa (anche nel caso in cui la "creatura" sia un cinghiale!)

P.S.. per un attimo mi hai fatto venire un colpo... avevo il dubbio di aver davvero sbagliato a scrivere!!