DOVE SI PARLA DI...

cucina, gatti, casa, e mille altre cose...ricette (dolci e un po' di salato), ma anche di gatti, libri, natura e tanto altro.


giovedì 31 ottobre 2013

Happy Halloween!

Non mi piace molto quello che sta diventando Halloween qui in Italia, sull'onda ovviamente di quello che accade in America. Ma alcuni suoi aspetti mi sono sempre piaciuti. Così, ispirata dal bel post scritto da Silvia sul suo blog Rumore di fusa, che ci racconta di come anche qui in Italia in realtà questa festa venisse celebrata fin dall'antichità (d'altra parte da dove credete che l'abbiano presa gli americani?), vorrei parlarvi della parte che ha sempre affascinato me, di questa festa: la mitologia celtica. Dovrei dire cosiddetta celtica, i puristi capiranno il perché, per tutti gli altri il discorso è troppo lungo e non interessante in questo ambito.
Comunque, tra le leggende irlandesi e scozzesi, c'è quella di Tam Lin, che ha anche ispirato una bella canzone (una delle versioni più note è dei Fairport Convention, se volete sentirla potete trovarla qui). Dice la storia che Tam Lin era stato catturato dalle fate ed era così diventato un elfo (naturalmente dovete dimenticare tutto ciò che vi suggerisce la vostra immaginazione su fate e elfi perché nella mitologia nordica questi personaggi non sono affatto quegli esseri leggiadri e benevoli che siamo abituati a pensare noi grazie a favole e film). Incontrò una donna umana e si innamorarono (vabbè, in realtà ben di più, visto che lei rimase incinta) ma lui naturalmente era prigioniero; in più, ogni sette anni, la regina delle fate doveva pagare una sorta di tributo al diavolo e gli offriva appunto una delle sue "prede". Questo succedeva durante la notte di Halloween e lui temeva che quell'anno sarebbe stato il suo turno. Allora le disse di andare nel bosco, al crocevia (che è un punto molto importante nell'ambito della magia, dove le forze magiche confluiscono e gli spiriti maligni stanno in agguato), e aspettare di veder passare il corteo delle fate. Le diede precise istruzioni: doveva lasciar passare il cavallo nero e quello marrone, ma appena avesse visto il cavallo bianco avrebbe dovuto scalzare il cavaliere e tenerlo stretto a sé. La regina delle fate a quel punto l'avrebbe tramutato in molti spaventosi animali ma lei, anche ritrovandosi a stringere tra le braccia un leone o un serpente, non avrebbe dovuto lasciarlo andare. Alla fine si sarebbe ritramutato in essere umano e quindi la maledizione sarebbe cessata e lui sarebbe stato libero. E' interessante vedere come la regina delle fate, una volta spezzato l'incantesimo, non ha più potere sull'umano e non può più fare nulla, per quanto molto imbestialita.
Comunque, eccovi il nostro angolino halloweenesco. Di giorno:

 
E di (quasi) sera. Ho aspettato un sacco di ore apposta per fare la foto con le candele accese e ora vedo che non rende affatto. Vabbè, pazienza:
 

 
E per finire vi metto il video di uno dei miei film preferiti di tutti i tempi. Quando uscì al cinema, ormai la bellezza di diciannove anni fa (venti in America ma sono abbastanza sicura che da noi sia arrivato l'anno dopo), io e il Top ne rimanemmo letteralmente affascinati e lo andammo a vedere almeno cinque o sei volte. Senza contare poi le almeno dieci volte che l'abbiamo poi visto in dvd. Esagerati? Assolutamente sì!!
 
 
 
Oppps! Quasi dimenticavo: domani è l'anniversario mio e del Top, non di matrimonio, quello non lo festeggiamo visto che ci siamo sposati dopo dieci anni di convivenza, ma dell'INIZIO. Praticamente siamo andati a vivere insieme quasi subito, quindi... auguri amore mio! Ventidue anni di vita insieme, mi sembra ieri.
 

6 commenti:

Silvia ha detto...

Lidia! Che bel post, e che bello il tuo angolino di halloween!! Condivido tutto ciò che hai scritto nel commento al mio post, e devo dire che questa storia che hai raccontato è effettivamente molto affascinante. Spero, quando sarò diventata insegnante, di riuscire a trasmettere ai bimbi il fascino di "ciò che sta dietro" alle cose... come dietro alla vuota moda di halloween. Se pensassimo alla ricchezza che c'era un tempo, prima che il consumismo imperasse ovunque, ci renderemmo conto di quanto poveri stiamo diventando oggi!! Buon halloween ma soprattutto buon anniversario a te e il Top!!

Lidia ha detto...

Grazie Silvia. Sono certa che riuscirai a raccontare ai bambini molte belle storie, d'altra parte è quello che fai sempre sul tuo blog, quindi sei decisamente allenata! Buon Mialloween!

Artic Swan ha detto...

Eccomi!
Intanto tantissime angurie...zucche per l'anniversario.
Ho chiesto al Top la Micizia. La paginina di Leo è Leonardo Officialpage

Halloween è in realtà una degenerazione del Capodanno Pagano, nata in Irlanda come forma di ribellione alla cristianizzazione forzata. Non ha il significato profondo di Samonios, ma io la preferisco al concetto cristiano di "soffriamo e pentiamoci che siamo peccatori".
Ma io non sono cristiana e loro, ancora oggi, vorrebbero mettere al rogo quelli come me, dopo averci rubato tutto, festività comprese. Scusa la polemica, ma so che con te posso farlo...miaociotti!

Lidia ha detto...

Certamente puoi, e poi è sempre interessante approfondire e imparare cose nuove. Grazie delle info, ciao e miaociotti anche a voi

Maria Grazia ha detto...

Meraviglioso il tuo post! e che magnifico allestimento hai preparato! Carinissimo il tuo blog, ricco di allegria, colore e proposte davvero interessanti! Ti seguirò con vero piacere!

Lidia ha detto...

Grazie Maria Grazia, appena ho un attimo vengo a fare un giro con calma sul tuo blog.